Due miniserie: Dune & I Figli di Dune!

Nel Dicembre del 2000 è andata in onda in tre episodi su SyFy la miniserie TV Dune, basata abbastanza fedelmente sull’omonimo romanzo di Frank Herbert. Lo show, diretto e sceneggiato da John Harrison, si è conquistato ben due Emmy Award e, nel 2002, ne è stata realizzata una director’s cut per il mercato DVD. La miniserie vede un cast d’eccezione: William Hurt (Damages), Alec Newman (Enterprise), Ian McNiece (Roma) e Giancarlo Giannini (Francesca & Nunziata). La storia, così come nel libro, è divisa in tre parti: Dune, Muad’dib e Il Profeta.

La casata Atreides si trasferisce dal pianeta Caladan per prendere possesso del pianeta Arrakis, ma in tal modo cade in una trappola ordita dall’imperatore stesso e dagli Harkonnen, i nemici giurati degli Atreides. Nella seconda parte vediamo il protagonista Paul Atreides nei panni di Muad’dib, accolto assieme alla madre Lady Jessica dal misterioso ed affascinante popolo dei Fremen, comandati da Stilgar, un forte e saggio guerriero che addestrerà il protagonista alla difficile e spietata vita del deserto. Infine parte la bellicosa riconquista di Dune/Arrakis attraverso la jihad comandata da Paul Muad’dib, il quale, grazie alla pericolosa Spezia, ha nel frattempo sviluppato i suoi poteri latenti, diventando il Kwisatz Haderach, l’essere supremo, vertice di un programma genetico segreto della Sorellanza delle Bene Gesserit.

Nel Marzo 2003 viene trasmesso, sempre su SyFy, il seguito, I Figli di Dune, basato stavolta sui due romanzi successivi del ciclo di Herbert, Messia di Dune e I Figli di Dune. La sceneggiatura è sempre di John Harrison, mentre alla regia si avvicenda Greg Yaitanes. Le bellissime musiche sono di Brian Tyler (ed includono il brano Inama Nushif cantato in Fremen da Azam Ali).

Il cast comprende (oltre agli attori già citati): Edward Atterton (Le Nebbie di Avalon), James McAvoy (Shameless), Alice Krige (Star Trek: Voyager) e Susan Sarandon (The Big C). Lo show conserva la suddivisione in tre episodi ma, approfittando del fatto che il romanzo Messia di Dune è lungo circa un terzo de I Figli di Dune, si suddivide in realtà in due parti ben distinte: il primo episodio copre le vicende narrate nel Messia, cioè fino alla nascita dei gemelli Atreides; il secondo ed il terzo episodio sono da considerarsi un unicum simile alla miniserie precedente, e coprono le vicende di Leto II fino alla sua accettazione del Sentiero Dorato e l’inizio del suo regno come tiranno.