The Luminaries, Dal romanzo alla miniserie…

1866, Nuova Zelanda. Walter Moody è appena sbarcato nella città dell’oro, un piccolo avamposto ai confini con il mondo civilizzato, costruito tra la giungla selvaggia e la costa più impervia, esposta ai venti e agli influssi delle maree. Vuole far fortuna nelle miniere, come cercatore, ma la notte del suo arrivo si ritrova, quasi casualmente, nel bel mezzo di una misteriosa riunione, un pantheon rovesciato di dodici uomini dalla pelle segnata dal sole e ingrigiti dalla polvere. Si sono dati appuntamento in gran segreto nella sala fumatori del Crown Hotel per parlare di una serie di crimini e misfatti avvenuti a Hokitika in quei giorni, e rimasti ancora irrisolti…

…Un benestante facoltoso è sparito senza lasciar traccia, una puttana bellissima ha provato a togliersi la vita, un’enorme somma di denaro è stata rinvenuta nella topaia di un povero dissoluto. Moody ha l’impressione di aver interrotto qualcosa di privatissimo e oscuro insieme, ma deve chiedere un brandy e una poltrona comoda per provare a dimenticare ciò a cui ha assistito a bordo del brigantino che l’ha portato fin lì: un fascio di luce, striature di sangue, poi il buio più nero. Questa la quarta di copertina del romanzo storico di Eleanor Catton, I Luminari, pubblicato nel nostro paese nel 2014 da Fandango Libri e adesso una miniserie TV!

Lo scorso Maggio il tomo è stato, infatti, adattato per la TV dalla televisione neozelandese con il titolo The Luminaries, per poi essere trasmesso in Gran Bretagna sulla BBC poco dopo. Sceneggiata dalla stessa autrice del romanzo, la miniserie vede nel cast: Eve Hewson (The Knick), Himesh Patel (Avenue 5), Marton Csokas (Into The Badlands), Matt Whelan (Narcos), Jed Brophy (The Shannara Chronicles) ed Eva Green (Penny Dreadful). Le musiche sono composte da David Long, co-compositore delle musiche de Il Signore degli Anelli con Howard Shore. La serie è ancora inedita nel nostro paese e non sono previste altre stagioni.

Dello stesso argomento:

Una biografia alternativa per Eva Green