Redshirt, Quando Facebook ti salva la vita!

redshirt

No, non stiamo parlando di una nuova applicazione del social network di Zuckenberg, ma di un nuovo ed innovativo gioco per PC creato dalla Tiniest Shark, una software house indipendente, uscito quest’anno. Perchè allora questo riferimento a Facebook? Tra poco ci arriviamo…

Il vostro personaggio è un addetto alle pulizie della stazione spaziale Megalodon-9. La vostra vita sarà gestita praticamente per intero dalle interazioni che avrete sul social network Spacebook, stringere amicizie, relazioni, creare e partecipare ad eventi, mettere “Mi piace”, ecc. Le  vostre interazioni con i contatti saranno vitali perchè più manterrete dei buoni rapporti ed accrescerete il numero di amici, più il vostro carisma aumenterà, rendendovi più in vista a bordo di Megalodon-9. Gli amici si lamenteranno se non li tenete in considerazione o, se sbagliate a mettere un “Mi piace” nella bacheca sbagliata, potreste perdere anche il vostro partner.

La vostra carriera a bordo non sarà statica, ma al contrario potrete scalare i vertici partendo dalle pulizie e diventare dei pezzi grossi, il tutto aumentando le vostre abilità partecipando ad eventi che ne permettano l’incremento e sottostando ai requisiti. Se tutto va bene e non vi siete inimicati su Spacebook il responsabile di tale sezione, accetteranno la promozione, altrimenti dovrete rimboccarvi le maniche e migliorare ancora.

Chi conosce l’universo di Star Trek conosce bene il termine Redshirt, ossia i membri della squadra di sbarco che puntualmente morivano durante una missione nella serie classica. Il nome del gioco non è casuale e si riferisce proprio a questo termine, infatti ogni tanto sarete “sorteggiati” come membro della squadra di sbarco dove, volente o nolente, ad ogni missione qualcuno ci lascia le penne, inclusi i vostri amici con cui avete creato un rapporto col sudore della fronte.

Il gioco è condito di satira ed umorismo, prendendo molto in giro sia Facebook che il genere fantascientifico in generale. Ma non sottovalutatelo: basta il post sbagliato e potete perdere tutto!

Precedente Downton Abbey: Terzo appuntamento italiano Successivo George Martin e i viaggi dello stravagante Tuf