Punch Line: Una valutazione completa!

Da una premessa come quella di cui vi abbiamo parlato nel nostro precedente articolo, costruire qualcosa in più rispetto al divertimento sui generis in Punch Line riguardo le assurdità della situazione sembra difficile e i molto giapponesi giochi di parole (punch line in giapponese suona come “panchira” che sta a significare proprio l’atto dell’osservare casualmente le mutandine delle ragazze) non aiutano.

Tuttavia per i primi episodi, appunto perché tutto si basava sull’assurdo, sembrava funzionare. Andando, però, avanti con la storia e facendosi le cose più “serie” lo show non è riuscito a mantenere le alte aspettative che si era creato e, dopo robot, viaggi nel tempo e medium, tutto sembra decisamente “troppo”, e il finale lascia decisamente insoddisfatto e interdetto lo spettatore. Dal lato positivo abbiamo dei personaggi divertenti e dei colpi di scena decisamente geniali, ma che tuttavia non portano l’anime al di sopra della mediocrità.

Lo studio Mappa, nonostante sia relativamente nuovo, invece, anima bene e con coerenza tutti i 12 episodi, lasciando una buona impressione almeno sul lato tecnico. In conclusione, dato che il gioco che “continuerà” la storia probabilmente non verrà mai portato in occidente, questo anime lascia decisamente con l’amaro in bocca ed è quindi da parte mia sconsigliato, a meno che non siate fan estremi dell’assurdo e dei viaggi nel tempo.

Precedente Il Signore degli Anelli come serie TV? Successivo Runaways, Il nuovo teen drama della Marvel