Mars Of Destruction, Un anime infamante?

Avete presente quello strano masochismo nel vedere quei B-movie americani, così brutti da fare tutto il giro e diventare divertenti? Beh succede molto spesso anche con gli anime, almeno a me capita. Uno dei primi anime che ho voluto vedere, proprio per capire quanto in basso si possa spingere l’animazione giapponese, è stato Mars of Destruction. Questo è un OVA del 2005 animato (si fa per dire) dallo studio Idea Factory, tratto da un omonimo videogioco per Playstation.

Una task force chiamata AAST (Anti-identified Ancients Special Team) si occupa di combattere gli alieni – chiamati Antichi – che stanno invadendo la Terra e, ovviamente, oltre ad essere composta di sole belle ragazze alquanto incapaci, non è in grado di arrestare questi esseri che sparano raggi laser dalla bocca. Il protagonista, invece, è un normalissimo studente delle superiori che ha in mano il destino della Terra poiché è l’unico che può indossare una tuta che lo trasforma (anzi, quasi lo violenta) in un “superman” che distrugge gli Antichi. Questo capolavoro di trama si conclude con un plot-twist degno dei peggiori romanzi d’appendice.

Oltre ad una trama imbarazzante, quello che colpisce di più sono le animazioni, o meglio la loro mancanza: la mezzora scarsa è condita dai peggiori espedienti dell’animazione giapponese per risparmiare sul budget (still frames, sliding, etc…), il tutto assieme ad un character design che fa molto anni ’90. Beh, qualcuno dirà: “almeno le musiche saranno decenti” …mi spiace deludervi, ma anche qua si va su livelli infimi: pezzi di musica classica tagliati ed incollati a caso, che spesso stonano con ciò che viene rappresentato.

Insomma, questo piccolo capolavoro del trash è una di quelle perle che vanno viste: è il plane 9 from outer space dell’animazione giapponese, un insieme di tutto ciò che c’è di sbagliato negli anime, e sicuramente uno di quelli che resterà nella storia. Come si dice, fama o infamia, l’importante è che se ne parli!

Precedente The Shannara Chronicles: I libri e la serie TV Successivo Arrowverse, Pt. 1: Supergirl 3.0 e Flash 4.0