Il promettente spy thriller di Alex Rider…

di:

Recensioni

Guardando i trailer e leggendo le sinossi rilasciate ufficialmente da Amazon Prime Video per Alex Rider non ci si rende pienamente conto della potenzialità poi dimostrate dalla webserie nel solo episodio pilota. Così come ci si aspetterebbe da qualsiasi spy thriller, la premiere dello show racconta di fatto la storia di formazione, l’evento cardine dal quale si dipanerà poi la storia del giovane Alex a partire dal secondo episodio della prima stagione.

Nell’episodio non mancano né elementi prettamente spionistici, alla 007, né quelli più banalmente adolescenziali, perfettamente fusi dal sapiente dipanarsi della vicenda, anche merito dello scrittore dei romanzi su cui è basata la serie TV, Anthony Horowitz, qui presente anche in veste di produttore esecutivo. A differenza dell’adattamento cinematografico di qualche anno fa, lo show ha toni più cupi e maturi, tipici dei recenti show britannici come The Capture.

La serie poggia interamente sul talentuoso e carismatico Otto Farrant (The White Queen), interprete del protagonista, che, con una solida formazione teatrale alle spalle, riesce pienamente a rendere il conflitto adolescenziale e le reazioni emotive che ci si aspetterebbe da una vicenda come quella raccontata nei libri di Horowitz. Mentre è stata appena annunciata una seconda stagione – basata sul quarto romanzo del ciclo inedito in Italia – vi invitiamo calorosamente a dare un’occhiata alla prima!

Voto: ⭐️⭐️⭐️

Dello stesso argomento:

Alex Rider: Arriva la serie TV basata sui libri!

I Commenti sono chiusi.