Halo, Dal videogame la serie TV sci-fi…

Nel 2017 è stato annunciato da Showtime che la serie TV Halo sarà composta da 10 episodi e basata sull’omonimo franchise videoludico di successo per XBox e computer. Lo show live-action è firmato da Kyle Killen, già creatore di Awake, che avrebbe dovuto collaborare con Rupert Wyatt, regista de L’alba del Pianeta delle Scimmie, ma per impegni pregressi Wyatt ha lasciato il posto ad Otto Bathurst.

A produrre la serie avremo la Amblin Television di Steven Spielberg, mentre restano solo voci che Neill Blomkamp dirigerà l’episodio pilota. Le riprese sono partite nell’Ottobre 2019 e, interrotte nel 2020 per la pandemia, continueranno per tutto il 2021 per una messa in onda nel 2022. Inoltre, secondo le parole del presidente di Showtime David Nevins, la serie è la più ambiziosa mai creata dalla rete.

Nel cast abbiamo già diversi volti: Pablo Schreiber (American Gods), Natascha McElhone (Designated Survivor), Bokeem Woodbine (Fargo) e Danny Sapani (Penny Dreadful). Lo scorso Febbraio lo show è stato spostato da Showtime all’appena rinominata Paramount+, mentre altri registi sono stati accreditati alla prima stagione, inclusi Jonathan Liebesman e Michael J. Bassett.

Trama: Il videogioco Halo, nato nel 2001, è ambientato nel XXVI secolo, durante un conflitto fra l’umanità e i Covenant, un’alleanza di svariate razze aliene il cui obiettivo è attivare gli Halo, antiche strutture dei Precursori, da loro venerati come divinità. Protagonista è il soldato Master Chief, incaricato di distruggere degli enormi anelli spaziali prima che sia troppo tardi.