…Dietro le quinte di Aldnoah Zero

Quello che colpisce vedendo Aldnoah Zero è come quasi nulla sia lasciato al caso, tutto succede per un motivo e sembra seguire una logica (cosa che spesso non accade in diversi tipi di produzioni). La consistenza della trama è il punto forte, con i personaggi che recitano la loro parte in maniera soddisfacente.

Nonostante gli avvenimenti si susseguano velocemente, ci si appassiona e si osserva come la guerra in fondo non sia uno scontro fra buoni o cattivi, ma che dalle buone intenzioni possono conseguire sofferenze e che le cattive azioni spesso hanno una giustificazione. Il finale lascia sconvolti e desiderosi di sapere cosa succederà. Per fortuna tutto viene rivelato nella nuova stagione, andata in onda nella stagione invernale 2014/2015.

Sul lato tecnico non c’è nulla da eccepire: i disegni sono buoni e l’animazione non ha grossi cali di qualità. La computer grafica non è troppo invadente e le musiche sono perfette, inoltre la opening delle Kalafina è stupenda. Consiglio a tutti di vederlo: sicuramente non è uno di quegli anime che passa inosservato!

Precedente Terry Goodkind e La Signora della Morte Successivo Williams e Spielberg: Uno storico connubio