Connubio tra cinema e TV: Modalità sequel

È diventata ormai pratica sempre più frequente da parte delle major hollywoodiane attingere ad un humus cinematografico già esistente – e se consolidato è ancora meglio – per dare vita a “nuovi” progetti filmici. Stiamo parlando, naturalmente, dei sempre più frequenti sequel, prequel e reboot che sono diventati tanto alla moda al giorno d’oggi e che sembra riescano quasi sempre nel loro intento di gonfiare le tasche dei produttori americani.

Non è, quindi, mancato molto che tale moda contagiasse anche l’altro settore in continua crescita, quello del piccolo schermo. Ultimamente, infatti, i principali network nord americani – e non solo – si sono resi conto che era da sciocchi non sfruttare un settore così remunerativo per il cinema. Da qui la nascita di diversi progetti che possiamo suddividere in tre distinte categorie…

La prima di queste categorie è sicuramente quella del sequel. Uno dei primi esempi in tal senso è Stargate SG-1, seguito televisivo del film Stargate del 1994 di Roland Emmerich. Le vicende sono ambientate un anno dopo i fatti della pellicola e danno il via alle avventure di un team di esploratori spaziali davvero fortunato. Infatti lo show, che ha debuttato su Showtime nel 1997, è durato per ben dieci stagioni, dando vita a due serie spin-off, Stargate Atlantis e Stargate Universe.

Altri esempi sono ancora: Dominion, seguito del film Legion, recentemente cancellato dal network SyFy; Minority Report, sequel del film omonimo di Steven Spielberg, che ha debuttato la scorsa stagione televisiva su FOX; Ash vs. Evil Dead, prodotto da Sam Raimi e ambientato dopo il terzo film del ciclo de La Casa. Infine abbiamo l’ultima arrivata nel genere: si tratta di Damien, serie TV del canale A&E che fungerà da seguito per il film Omen del compianto Richard Donner, ai più noto per aver girato Superman. Debutterà il prossimo 7 Marzo negli States.

Continua…